• Champion respect: stop agli abusi

ChangeTheGame: il perchè di una scelta. Un Codice Rosso per lo Sport
Una scelta non e’ mai facile ma a volte bisogna cambiare per crescere. Ed e’ questa la logica alla base del nostro cambiamento: la voglia di crescere. ChangeTheGame nasce come evoluzione del Cavallo Rosa per indicare una dimensione internazionale senza la quale sarebbe difficile dialogare con i nostri partner internazionali come la Harvard University e il Consiglio d’Europa. Era necessario dotarsi di un nuovo statuto più moderno ed efficace in favore delle donne e dei bambini in linea con il codice rosso adottato dalla giustizia italiana. Abbiamo accolto nel board Alessandra Marzari, da sempre in prima linea contro gli abusi sessuali nello Sport. Abbiamo previsto nuove regole per i nostri
associati ai quali chiediamo generosità e altruismo in modo che sia esaltata la vocazione volontaristica e spontanea dell’Associazione,  privilegiando un modo di intendere la vita e lo Sport senza personalismi, senza rivendicazioni o strumentalizzazioni.
Il passato non si cancella, quando e’ un passato di cui essere fieri: resterà un doppio simbolo, quello del Cavallo Rosa e quello di
ChangeTheGame in una perfetta continuita’ di storie e di esperienze.
Andiamo avanti, con ancora maggiore grinta e consapevolezza.

CHI SIAMO

I NOSTRI AMICI

LO STAFF

I NOSTRI PARTNER

LE NOSTRE ATTIVITA'

PER LE VOSTRE DONAZIONI:

IBAN: IT87V0335901600100000165 788

Banca Prossima

EVENTI

CONTATTI

Per informazioni e contatti

Per segnalare un abuso

TESTIMONIANZE

‘’Io ero una bambina, lui era Dio’’

Kursinski-bn
Anne Kursinski
Violentata a 11 anni dal suo istruttore

Avrei potuto denunciarlo ma era la mia parola contro la sua e io avevo solo 15 anni. Se fosse successo adesso che ne ho 23, forse avrei trovato il coraggio di agire

pallavolo-bn
Michela
Pallavolista, abusata dal suo coach

Diceva: “Lascia la porta della camera aperta”. E lui entrava in qualsiasi momento, che tu fossi vestita o no»

maila-bn
Maila Andreotti
20 titoli italiani su pista

"Chi ha denunciato è finito nel tritacarne e qui in Italia le cose sono anche peggiori, perché si parla tanto di morale e etica, ma solo per riempirsi la bocca e farsi belli. Poi quando c’è da fare e affrontare delle criticità non si fa assolutamente nulla"

ciclismo-bn
Un Padre

‘’Il silenzio rende complici’’

alice-bn
Alice

“Le bambine non rimangono piccole per sempre. Diventano donne forti che tornano a distruggere il tuo mondo", Kyle Stephens

Kyle-Stephens-bn
Kyle Stephens
La prima vittima che ha accusato Larry Nassar, condannato a 175 anni di carcere

Educare alla consapevolezza contro gli abusi sessuali nello sport

Clicca sul pulsante per scaricare il manuale PDF in Italiano o Inglese

FOTOGALLERY

ULTIME NOTIZIE

seguici sui social